Intervista

Su Facebook manteniamo di solito i contatti con chi conosciamo, più e meno bene. Ognitanto capita poi che qualche sconosciuto ci contatti per i più svariati motivi. Ed è stato curioso ricevere la richiesta di una studentessa dell’École Supérieure de Journalisme (ESJ) di Lille. Virginia voleva intervistarmi per un esame e sapere il mio punto…

L’ipocrisia di (non) essere italiano

La cultura italiana, il Made in Italy e #gliitalianilofannomeglio sono motivo di vanto per tutti gli emigrati italiani nel mondo. Ma qualcosa non va. Tra italiani ci si insulta, si diffida, si rinnega la Madrepatria e, come ha detto Cristiana Capotondi alla 7a edizione di Cinema Made in Italy a Londra, non sappiamo fare sistema….

#Referendum: from Australia with love

Le statistiche sono numeri che necessitano di un’interpretazione. Il diritto al voto di ciascun cittadino non è pari o uguale alle conoscenze con cui si reca a porre una croce su una tessera elettorale. Ogni cittadino chiamato a votare da un proprio significato a questo gesto, sia che si rechi oppure si astenga. Ora, queste…

I migranti e le “patrie immaginarie”

C’è una differenza abissale tra identità e cittadinanza, tra il gruppo socio-culturale a cui pensiamo di appartenere e la nazionalità scritta sui nostri documenti. Quando poi si tratta di un emigrato/immigrato le cose si complicano ulteriormente, perché diventa arduo impugnare una sola bandiera e magari la realtà che ci accoglie, per quanto ospitale possa essere…

To pretend or not to pretend?

Quando nella vita bisogna fingere, non pretendere “To pretend” è uno dei tanti false friends della lingua inglese. Non significa infatti pretendere (to demand, to claim), ma fingere. E sembra essere il punto chiave per trovare lavoro, in Italia così come in Australia. Qualche settimana fa ho conosciuto un docente di giornalismo a cui ho…

Metro-cultural Melbourne 

I arrived in Melbourne on 7 October, completely stoned by eight yours jet leg. I felt like I was living into a dream. I mean, I was coming from a quiet and always-the-same village in central-north Italy and, in order to face a one-day trip, I stopped three days in the burning Dubai, where a…

Non è la solita storia

Ogni sognatore ha la sua e così cambia il mondo Australia 2016. L’immigrazione italiana è stata talmente incisiva che oggi una ragazza italiana con la sua Working Holiday visa lavora come babysitter per una famiglia di italiani. Chiama il nonno al cellulare e gli risponde, in italiano: – Siamo ancora al parco, arriviamo! – E…

From local to global

Faenza is where I’m from. Then there’s the globalized world I don’t hate Italy, neither my native town, Italians and our way of life. I just realized that the world goes on, that there’s something outside which looks to the future and which is more interesting to live than keeping tightened to traditions, old paradigms…

Pra mim chega – ciao Italia

Mi sono raccontata in tutte le salse su questo blog, ho espresso idee e sogni. Ed eccomi che torno a raccontarmi, a distanza di un anno, per dirvi ciò che un cv non può trasmettere. Perché i curriculum servono a dire, per brevi punti, ciò che il candidato ha fatto, la sua esperienza e le…

Museu do Índio

Il museo è una piccola isola tranquilla nel mezzo del barrio Botafogo. È composta da un paio di edifici semplici, in legno, a due piani e con entrate esterne. Nei dintorni, alcune macchine del Funai, la Fundação Naciónal dos Índios. Entro. Il museo non è molto grande: solo 12 stanze, ciascuna delle quali mostra un…

Rio e l’antropologia brasiliana

#Rio_de_Janeiro   #Museu_do_Índio   #UFRJ   #Museu_Nacional Dall’ultima volta che ci siamo sentiti sono stata a Rio, per visitare questa famosissima metropoli e, soprattutto, per visitare l’Università e incontrare gli antropologi che avevo tentato di contattare. I primi giorni sono stati un disastro: pioveva, non sapevo come muovermi e per questo ho impiegato una mattinata intera a trovare…

Campinas

Partiti da Maresias alle 4 del mattino, siamo arrivati a Campinas solo alle 12.30… La città ha circa 3 milioni di abitanti e André abita in un appartamento molto semplice al secondo piano di un condominio piuttosto piccolo rispetto agli altri edifici della città. Per raggiungere il centro, abbiamo attraversato alcune zone periferiche, soffermandoci prima a una rozza…

Maresias

Stamattina André mi ha svegliata ad un’ora giusta, verso le 09.30: fremeva dalla voglia di andare in spiaggia. Mi sentivo davvero riposata e la sana colazione offerta dall’ostello era proprio quello che ci voleva: succo di mango, pane con burro e marmellata di goiaba (una delizia!!), papaia, un panino col prosciutto e caffelatte. Quindi siamo…